Monthly Archives:

Dicembre 2019

Esperienze

capsule wardrobe per la palestra

Avete quindi deciso di iscrivervi in palestra e iniziare a prendervi cura di voi stesse a 360°. Avete comprato uno smartwatch con il cardiofrequenziometro e avete già fissato con la vostra migliore amica per la prima lezione ma… non pensate che manchi qualcosa? Ebbe si, quando decidiamo di toglierci le ciabatte e allacciarci le nuove scarpe sportive ci trasformiamo proprio in altre persone. Nel nostro armadio tra jeans e vestitini eleganti dovremmo fare spazio a leggins, top e set sportivi.

Se volete essere belle anche in palestra come nella vita di tutti i giorni vi consiglio di continuare a leggere questo articolo dove spiego come creare un guardaroba in capsula per le vostre giornate sportive e sopratutto senza spendere una fortuna.

1 Un yoga set bianco

2 Un yoga set nero

3 Un top colorato

4 Un top colorato o con fantasia più particolare

5 Un paio di sneakers da palestra total black

6 Un paio di sneakers bianche

7 Un paio di guantini da palestra di color neutro/tortora/grigio chiaro

#EatwithJulia

Cosa mangiare prima,durante e dopo un workout

COSA MANGIARE PRIMA DI UN ALLENAMENTO?

I nutrizionisti sostengono che la dieta che seguiamo prima, durante e dopo un allenamento influenzi in modo significativo i risultati del nostro workout. Dovresti mangiare sempre da 1 fino a 4 ore prima di ogni allenamento, suggerisce Nancy Cohen, professoressa del dipartimento di nutrizione dell’Università Massachusetts in Amherst. Gli esperti consigliano di consumare i carboidrati prima di un allenamento e le proteine magre dopo l’allenamento. L’assunzione di carboidrati inoltre migliora la nostra resistenza durante tutto l’allenamento.

Consumando cibi ricchi di carboidrati, a basso contenuto di grassi e con un medio/basso contenuto di proteine disporremo di una quantità sufficiente di glicogeno che svolgerà la funzione di carburante per la nostra attività fisica. Per una buon pasto pre-workout includete nel vostro pasto alimenti a basso contenuto di grassi come le barrette di muesli, barrette ala frutta, un toast con del burro di arachidi o Nutella, del pane con marmellata, una banana (una banana di medie dimensioni fornisce circa 15,4 grammi di carboidrati), yogurt, pasta o altri alimenti ad alto contenuto di carboidrati.

L’idratazione è un altro punto importante da prendere in considerazione durante il nostro allenamento. Una proprietà poco conosciuta dell’acqua è quella di stimolare il metabolismo e far bruciare più calorie. Sapevate che quando il nostro organismo è disidratato trova più difficoltà a metabolizzare i grassi? Di conseguenza chi beve poca acqua potrebbe trovare difficoltà a perdere peso.

L’acqua è uno dei componenti principali del nostro corpo. è fondamentale assumerla per eliminare le tossine dagli organi vitali e per favorire il trasporto dei nutrienti verso le cellule.

Inoltre, l’acqua favorisce le difese immunitarie poiché aiuta a mantenere il corretto equilibrio dell’umidità delle mucose delle vie respiratorie.

“In generale, si può consumare da 5 a 10 millilitri di acqua per chilogrammo di peso corporeo nelle due o quattro ore prima di un allenamento.” Sostiene la professoressa Nancy Cohen .

Meglio allenarsi a stomaco vuoto o dopo aver fatto colazione?

Facendo questa domanda a molti sportivi ci scontriamo con due pensieri contrastanti. Anche tra i più esperti i pensieri sono divergenti, c’è chi come il professor Stuart Phillips dell’Università McMaster preferisce tenersi leggero e allenarsi prima di fare colazione. In un’ intervista rilasciata a CNN nel Marzo 2018 il professore infatti confida di concedersi al massimo una tazza di caffé e un toast.

Nancy Cohen invece sostiene che anche se allenarsi a stomaco vuoto aiuti a bruciare il grasso è meglio fare colazione scegliendo alimenti come, uova, cereali e latte, toast con burro di arachidi, o frutta e yogurt prima di un allenamento mattutino. Quando ci alleniamo a stomaco vuoto infatti abbiamo meno energie e se questo ci porta a eseguire esercizi con più fatica allora non otterremo dei buoni risultati dal nostro allenamento mattutino.

COSA MANGIARE DURANTE UN ALLENAMENTO?

Al primo posto rimane sempre l’idratazione. Durante il nostro allenamento ricordiamoci di bere! Per quanto riguarda la nutrizione durante l’allenamento è un fattore molto personale. Partendo dal presupposto che per alcune persone mangiare del cibo solido, potrebbe non essere la soluzione ideale. Se vogliamo fare uno spuntino, ci dobbiamo basare sulle ore di allenamento e tenere in considerazione anche la velocità del nostro metabolismo.

“Le spremute, le bevande sportive, le barrette di cereali, la frutta, altri cibi e bevande ad alto contenuto di carboidrati possono essere utili.” sostiene la specialista Cohen

COSA MANGIARE AL TERMINE DELL’ ALLENAMENTO?

Dopo aver concluso il vostro allenamento dovrete reintegrare i liquidi persi attraverso la sudorazione.

una routine post-allenamento dovrebbe includere liquidi per reidratarvi, una piccola dose di carboidrati per il rifornimento e proteine.

Via libera quindi ad alimenti che contengono tutti e tre questi componenti sono molto consigliati gli smoothies, frullati a base di latte e yogurt con frutti rossi.

Inoltre per contrastare i dolori muscolari post allenamento il succo di ciliegia e di cocomero portano sollievo.

#Wellness

come essere motivati e felici nel lavoro e nello sport

Il binomio salute e successo è molto caro ai lettori di questo blog, oggi parleremo di come la felicità, le persone più care e il nostro pensiero prima di tutto, influiscono sulla nostra motivazione e quindi forza per raggiungere i nostri obbiettivi. Vedremo anche cosa differenza una persona ricca e una persona con molti soldi.

”Il presente di oggi è il futuro su cui hai lavorato ieri”

1 ) Gioca il tuo gioco senza pensare agli altri

Siamo i soli responsabili tanto dei nostri successi quanto dei nostri fallimenti. Prima di prendere una decisione non è sbagliato confrontarsi con altre persone. Quello che ti consiglio però è di scegliere accuratamente con chi parlare meglio sempre preferire i consigli di una persona che ha avuto successo in un determinato campo e che ha già raggiunto l’obbiettivo a cui voi puntate. Stai attento a non farti influenzare troppo riguardo a scelte importanti per te, dopo aver ascoltato i consigli delle persone con cui ti sei confrontato prendi la tua decisione. Non potrai così scaricare la colpa su un’altra persona quando fallirai, inoltre non è detto che quella persona ci sia ancora per te in futuro. Ci sono molte persone che sono bravi consiglieri per gli altri ma cattivi consiglieri ed esecutori per se stessi. Adotta una mentalità da Doer e non da Thinker quindi, poniti degli obbiettivi e prepara una strategia personale per raggiungerli. I Doer trovano sempre una strada per raggiungere i propri obbiettivi. I Thinker si limitano a sognare e a parlare dei loro grandi progetti con gli altri senza però pensare ad una valida strategia per raggiungerli.

2) Pianifica e non affidarti al caso o alla fortuna

La fortuna influisce molto sul successo a breve termine ma non su quello a lungo termine.

Voi perdere 10 chili? Voi creare un brand di bevande energizzanti? Voi fare un viaggio in Giappone?

Qualunque sia i tuo obbiettivo, grande o piccolo per raggiungerlo ai bisogno di una strategia per raggiungerlo. Scrivi quest’obbiettivo su un foglio e scomponilo in piccoli obbiettivi giornalieri.

Se ad esempio voglio perdere 10 chili, invece di passare 2 ore a guardare un film sul divano, mi impegnerò a bere almeno 2 litri di acqua al giorno e mi informerò per impostare un piano di allenamento efficace. Continuerò a perseguire il mio obbiettivo andando un giorno si e un giorno no in palestra per raggiungere il mio obbiettivo. I risultati possono non essere visibili nel breve tempo ma sicuramente pensando a lungo termine possono fare la differenza.

Se voglio creare un brand di bevande energizzanti devo innanzitutto studiare se non ho già delle solide basi, tutto quello che sta alla base di un’ azienda, le leggi che ci sono dietro e analizzare i miei competitor e trovare i fondi per dare vita al mio progetto. Soltanto dopo pensare a creare un nome, un logo, registrare il mio marchio, contattare i produttori e pensare a come pubblicizzare il mio prodotto.

Se voglio fare un viaggio in Giappone, per prima cosa mi informerò su quali documenti necessito per fare il viaggio. Se è necessaria un’assicurazione medica. Calcolerò tutti i costi da sostenere per comprare il biglietto aereo, la casa o l’albergo in cui soggiornerò, quali sono i migliori ristoranti di sushi, quanto costa noleggiare una macchina oppure l’abbonamento ai mezzi pubblici e cosa più importante stabilirò qual’è il mio budget da non sforare per questo viaggio. Solo dopo aver fatto tutte queste cose scriverò il mio itinerario.

3) Stabilisci i tuoi obbiettivi e non mollare finché non li raggiungi

4) Circondati di persone che ti trasmettono positività